venerdì, marzo 24, 2006

Dalla biografia del Van...

questa e' una citazione del primo capitolo de "il Van e il mondano", la famosa "biografia segreta" che racconta il van alle prese con i suoi inguaribili ma caparbi vizi.
Tra l'altro e' curioso come il nostro eroe risulti sempre un santo, il figlioccio ideale anche quando e' alle prese con vino, sigarettte e sale da gioco....

sara' il suo magico sorriso. Qui e' al casino' "Mefisto" con Ignaziolo De Fazi (noto scrittore ungherese) e le sorelle Grella e Graticola.

Anche se poi il Van si sente comunque in colpa e prende armi e bagagli e vola in Africa ad aiutare un po' quelli piu' sfortunati di lui.



Un grande! e poi torna a casa a pezzi.....
commovente.

ne ha fatta di strada da quando era cosi'.......

ovvio che dovra' stare attento a chi gli vuole male e lo vuole boicottare:

OCIO! OCIOOOOOOOOO!
Sempre all'erta...!

Ma il suo caparbio corpo mettera' tutti al loro posto:

Tsk! pensavate di mettergli paura?

So che van damme come secondo lavoro faceva l'edicolante da giovane.
Era un edicolante caparbio, con una cartoleria ben fornita.
Me li ricordo ben quei giorni, ero in società con lui


E c'è stata una volta in cui l'ho battuto

Nessun commento: