giovedì, aprile 20, 2006

Il caparbio Vandai Lama

Che dire sono da poco ritornato da un lungo viaggio in Tibet, ci andai a piedi, scalzi ovviamente, come insegna il Van, e quando giunsi li avevo in queste condizioni:



solo le cure dell'amico indiano del Van riuscirono a risistemarmeli al 100 %...

http://www.ociojoven.com/ezimagecatalogue/catalogue/variations/150x500/309672-150x500.jpg
"CURAVO SEMPRE I PIEDI AL VAN DOPO CHE AVEVA FINITO DI BALLARE LA VAN DANCE"

Durante il mio viaggio conobbi un sacco di gente, tra cui un certo "Riccardo Ingranaggio", che prontamente ribattezzai Rki Brugola, che secondo me suona meglio.
E a dirla tutta Riki Brugola era proprio un bell'uomo e mi disse essere di fede buddista e che si stava anche lui recando in Tibet per ritrovare se stesso e per essere illuminato dal Dalai Lama.
-Anche io!! - dissi - sto andando dal Vandai Lama!!!
ma colsi come della perplessità nel suo sguardo

MA VIRAMETTE IO HO DETTI "DALAI LAMA" NON "VANDAI LAMA"

é uguale Riki...

Dopo avergli parlato del Van e di quanto egli sia caparbio, anche Riki Brugola non potè esimersi dal desiderare di entrare a far parte della grande famiglia del VAN FAN CLAN:



Il Van mi nominò "padrino" di Riki brugola, egli da quel giorno avrebbe dovuto rivolgersi a me prima di poter parlare col sommo Van e questa foto rappresenta la catena della caparbietà che si formata in quell'occasione



Naturalmente entrai a far parte dell'ordine dei "padrini novizi" e mi fu richiesto di indossare, gli abiti locali




quello al mio fianco è il parrucchiere ufficiale del Van Fan Clan tibetano, fu lui a pettinarmi così disse che era un taglio che faceva impazzire le ragazze, e in effetti non lascia indifferenti...


OHSSIGNORE!!!

Nessun commento: