sabato, marzo 15, 2008

Spruzzi biografici


Tutti sanno che il Van preferì dedicarsi alla cultura del corpo anziché a una qualsiasi cultura pertinente l'intelletto. Fu per questo che egli si ritirò da scuola a 16 anni.



Van: E' STATO DIFFICILE,
MA CI SONO RIUSCITO
A PRENDERMI IL DIPLOMA
DELLA PRIMA ELEMENTARE!

Però chi ride delle sue capacità mentali sbaglia! Perché il Van non è solo muscoli e niente cervello...
Egli dipinse uno dei più grandi capolavori di fine 900: Mestruo su tela. La leggenda dice che l'ispirazione gli venne una notte dopo essersi svegliato di colpo sentendosi bagnato.


Van: VANNEZZA, E CHE CAZZ...
MOH TI PORTI IL ROSSETTO LIQUIDO PURE A LETTO?

Quando il Van si fu pulito sull'asciugamano del bagno, scoprì che mentre lo faceva i gesti casuali e scomposti delle mani e delle possenti braccia avevano tracciato sul tessuto segni di un ordine e di una precisione sconvolgente e soprannaturale:





Rimase talmente scosso dalla cosa che pensò a cosa fare per un intero mese sempre nella stessa posizione:




Decise così d'appendere l'opera in una galleria, dove fu notata dai critici più caparbi:


Sgarbi: POLLACK ERA UN IMBRATTATELE, MA TALE IMBRATTAMENTO SORGEVAVA DALLA RAGIONE E DAL CONTROLLO. IL SIGNOR VAN S'E' LASCIATO TRASPORTARE INVERO DAL CAOS SCOPRENDO L'ORDINE IN ESSO! TI FA UN CULO COSI' IL PORCO DI QUELL'UOMO!

Qui il Van ci dà un saggio delle sue conoscenze storiografiche e del suo acume intellettivo:


Van: LA FORCHETTA SI DIFFUSE, CAPARBIAMENTE, NEL 700,
AVEVA TRE DENTI COME LE MIE GAMBE.


Voce dal pubblico: VAN, DOVEVI PARLARE DEL TUO PROSSIMO FILM! CHE CAZZO STAI A DI'?


Van: L'HO LETTA SULLA VANCIQUEOPIEDEO TRECCANI, DEO...


Van: CI SPIEGO ANCHE AL PICCOLO VANNINO:
GUARDA, LA MINESTRA PEO LA DEVI MANGIARE CON LA FORCHETTA
ADESSO CHE CE L'ABBIAMO, NO COME PRIMA IL 700, EH!

__________________

Nessun commento: